S vs F

(Sfortuna vs Fortuna)

Piccoli quadri con corni (di varia tipologia, nei colori e le fogge più disparate e personalizzabili) sono il perfetto connubio tra sfizioso elemento d'arredo e lotta alla sfortuna e rappresentano un grazioso omaggio per un bambino che si affaccia alla vita, un coppia che intraprende un'avventura matrimoniale, una nuova casa o un neolaureato...che sicuramente ne avrà tanto di bisogno!

La scaramanzia non è legata all'ignoranza! Non siamo presi da attacchi di panico se un gatto nero ci attraversa la strada, il Venerdì 13 (o 17 che sia) conduciamo una vita "normale" e spesso passare sotto la scala è l'unico modo per circolare in un laboratorio sempre in pieno fermento, siamo però pervasi dal languore nostalgico di cui è pregna la nostra terra ed il corno, come anche antichi rituali apotropaici ci accompagnano da sempre (e sempre lo faranno) nella nostra vita. Per i napoletani (e non solo) il cornetto è un irrinunciabile portafortuna contro l'invidia altrui ma la pratica di schermarsi dagli influssi negativi affonda le sue radici in tempi ben più lontani. Gli antichi Egizi offrivano in dono alla dea Iside corna di animali; in età neolitica esse venivano appese sulle capanne come simbolo di fertilità e potenza; solo nel medioevo esse vennero associate alla fortuna ed un corno realizzato a mano e di colore rosso (il colore del sangue dei nemici vinti) prese il posto di quello di origine animale, con loro immotivato immenso sollievo.

 

Istruzioni per l'uso:

il quadro col corno deve essere appeso in prossimita' della porta di ingresso per neutralizzare le influenze negative, la punta deve essere consumata ed il portafortuna deve essere rigorosamente regalato.

 

 

Go to top